45.000 presenze alla 16ª edizione di Club To Club

La 16a edizione di Club To Club consolida la sua reputazione di festival internazionale di avanguardia e nuovo pop.

45.000 presenze a Torino nei 5 giorni di festival da 33 paesi del mondo.

 

Si è conclusa domenica con la spettacolare giornata di Dance Salvario #IAMC2C, la 16a edizione di Club To Club, il più importante festival di musica avant-pop in Italia.

 

Più di 50 gli artisti provenienti da 15 paesi del mondo che hanno dato vita ad un’esperienza unica, con oltre 70 performance, tra le quali 18 act in esclusiva italiana e ben 12 prime assolute. 40 ore di viaggio globale nei nuovi suoni, coronate dagli show stellari di Junun (feat Jonny Greenwood/Radiohead), Dj Shadow, Arca, e Ghali e Autechre.

Un eccezionale percorso che ha accompagnato i 45.000 spettatori presenti a Torino nei cinque giorni di festival tra grandi artisti visionari, accelerazionismi futuristici, le radici dell’attualità e nuove frontiere sonore a diverse latitudini.

Oltre 1000 gli accreditati al festival da ogni parte del mondo, che hanno potuto scoprire grazie alla musica di Club To Club location prestigiose e uniche della città più regale e sperimentale d’Italia, dalla Reggia di Venaria (con l’emozionante Grand Opening presentato da Audi) allo storico Conservatorio Giuseppe Verdi, fino al melting pot culturale di San Salvario, cuore pulsante della creatività torinese e laboratorio vivo della nuova società globale.

Non solo musica, come sempre, nel ricco programma di Club To Club, denso ed articolato come non mai grazie ai format collaudati che costituiscono parte integrante del festival. Decine gli appuntamenti (tra workshop, proiezioni, talk, conferenze internazionali) in programma all’Absolut Symposium (l’innovativo headquarters del festival, da Club To Club insieme al main partner Absolut), che hanno visto coinvolti nomi storici e nuove stelle del panorama artistico mondiale in dialogo con creativi, influencer e imprenditori.

 

Fittissimo programma di appuntamenti anche per l’edizione 2016 del Block Party di chiusura del festival, Dance Salvario, che ha coinvolto l’intera rete sociale del quartiere di San Salvario – per riflettere sulle sfide della globalità e sulla cultura della contaminazione.

 

Senza dimenticare la musica di A Great Symphony For Torino, l’inedita colonna sonora virtuale creata per la città da Xplosiva e British Council e l’ormai storica collaborazione con Red Bull Music Academy, vera e propria istituzione musicale a livello globale, che sul palco della Sala Gialla del Lingotto ha portato alcuni dei nuovi progetti musicali più interessanti del momento, spiccano tra tutti Daphni, Amnesia Scanner, Gaika e One Circle.

 

Come sempre parte integrante dell’Art Week torinese, Club To Club ha lavorato in perfetta sinergia con il circuito di Contemporary Art Torino+Piemonte, dando vita ad un vero e proprio network sul territorio con alcune delle realtà più importanti impegnate sul contemporaneo nella regione, da Luci D’Artista e Paratissima (con il progetto A Great Symphony For Torino), ed ancora Torino Graphic Days, Operae, DAMA e Reggia di Venaria.

 

Lo straordinario successo di #IAMC2C è stato reso possibile dal prezioso sostegno di istituzioni prestigiose (Regione Piemonte, Fondazione per la Cultura Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino, Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi) e dal fondamentale contributo di partner privati che hanno lavorato in stretta collaborazione con il team di Club To Club per arricchire ulteriormente l’offerta culturale della manifestazione: Absolut, Audi , Red Bull Music Academy, IED, KLM, Tuborg.

 

Le nuove date e i nuovi progetti di Club To Club per l’anno 2017 saranno svelati a breve sul sito clubtoclub.it e sui canali social del festival : follow #C2C!