Nina Kravitz

RU / Rekids / dj set

La prima vera e propria star credibile nel panorama della musica da club ad arrivare da Mosca (sebbene le sue origini siano siberiane), dopo essersi fatta notare come ‘”resident dj” al Propaganda, uno dei club più in vista della capitale russa, Nina Kraviz ha scelto Berlino come sua base operativa per spiccare il volo.

Nel suo album di debutto –pubblicato nei primi mesi del 2012 per Rekids, e giunto dopo una manciata di EP- Nina tratteggia con notevole personalità un’estetica minimal house ridotta agli elementi essenziali, ipnotica, talvolta cinica e paranoica, sicuramente aiutata dalla sua stessa interpretazione vocale di testi e frammenti lirici come quelli dell’iniziale ‘Walking In The Air’, di ‘Taxi Talk’ o del singolo ‘Ghetto Kraviz’. La fascinazione diviene assoluta quando si insinua la linea di basso di ‘False Attraction’ o nel surreale soul di ‘Choices’ e ‘Turn On The Radio’, o ancora dove una fitta nebbia avvolge il tutto, come nella conclusiva e “maledetta” ‘Fire’.